Attività svolte

 

Petrarca,

in parola e musica

a cura di Herman Cole

venerdì 17 ottobre 2014

 

Non spaventatevi... Non aspettatevi la classica conferenza accademica!

Nella linea delle sue precedenti ‘chiacchierate illustrate’, Herman Cole ci presenterà in modo comprensibile e divertente il poeta trecentesco Francesco Petrarca e le sue opere; ci farà scoprire delle bellissime poesie, accompagnate da altrettanto belle traduzioni in neerlandese. Ci farà pure ascoltare musiche di tutte le epoche basate su Il Canzoniere.

Sottolineamo che insieme a Dante e a Boccaccio, Petrarca costituisce le Tre Corone della letteratura italiana; con il Canzoniere ha avuto un ruolo determinante nella formazione della lingua italiana.

 

Non prevedete dunque un’ennesima lezione di lingua e letteratura, ma una serata di poesia e musica scaturita dal programma Scattered Rhymes intorno alle opere di Petrarca di due gruppi fiamminghi:

-Gli “Zefiro torna” (www.zefirotorna.be) , specialisti di musica medievale e rinascimentale

-Il “Trio Frank Vaganée” (www.frankvaganee.com ), grandi del jazz di oggi

Quest’incontro si svolgerà in italiano ed in neerlandese, con la proiezione dei testi in ambedue le lingue. Ascolteremo musiche di Orlando Lasso, di Cipriano de Rore, di Franz Liszt, di Arnold Schönberg …. Ce ne sarà per tutti i gusti.

 

I Medici

a cura di Cathérine Dupres

venerdì 30 gennaio 2015

 

 

Sono stati i regnanti più noti prima di Firenze e poi della Toscana per oltre tre secoli, hanno generato tre papi e due regine, ma soprattutto erano grandi promotori della vita artistica, culturale e scientifica della lora epoca. Finora siamo ancora in grado di ammirare le loro straordinarie collezioni di capolavori, libri e manoscritti, patrimonio conservato nelle più importanti fondazioni e istituzioni della città di Firenze. Chiaramente stiamo parlando dei Medici. Chi se non la storica Catherine Dupres puó introdurci nel mondo di una delle più potenti famiglie storiche d’Italia e d’Europa . In più Catherine metterà in rilievo l’importanza dei Medici per la città di Bruges nel medioevo.

 

Olio d'oliva

Un'avventura fiamminga in Sicilia

a cura di Dirk De Muynck

venerdì 24 aprile 2015

 

Nel 2004 Dirk De Muynck è diventato proprietario di un piccolo uliveto nella Sicilia centrale. Da questo momento vi trascorre ogni anno qualche settimana per la raccolta e la pressione delle olive.

Durante la serata Dirk ci trasporterà nel suo uliveto raccontandoci la storia particolare di questi magici alberi, di come si svolge la raccolta delle olive e quali sono gli elementi da tenere in mente nell’acquisto e nel consumo dell’olio d’oliva...

Nel corso di un assaggio ‘cieco’ possiamo imparare a distinguere le qualità di vari tipi d’olio.

 

Inoltre Dirk c’introdurrà nel mondo delle cooperative di Libera Terra (www.liberaterra.it) l’organizzazione che nelle aziende confiscate dalla mafia creano un nuova economia sana fondata sull’agricoltura biologica, sulla qualità, sul lavoro e sul rispetto della legge.

Allo stesso tempo vi offriamo un bicchiere del vino Centopassi e qualche bocconcino.

 

 

 

Da Bruges a Palermo

Il Grand Tour di André Jacopssen (1821-1823)

a cura della Professoressa Sabine Verhulst

venerdì 18 marzo 2016

 

Viaggio in Italia, resoconto del Grand Tour di Johann Wolfgang von Goethe compiuto in Ita-lia fra 1786 e 1788 è un’opera letteraria che ancora oggi puó catturare l’interesse di tanti amanti del Bel Paese.

Peró... sapevate che fra il 1821 e il 1823 un nostro connazionale ha intrapreso un viaggio in Italia partendo da Bruges?

 

Siamo felici di accogliere per la seconda volta Sabine Verhulst, professoressa di Letteratura italiana all’Universiteit Gent che ha pubblicato il giornale di viaggio inedito di André Ja-copssen, residente ottocentesco illuminato di Bruges.

 

Prof. Verhulst ci proporrà le principali tappe del Grand Tour di Jacopssen, il quale conobbe anche Leopardi a Roma nel 1822 e ne divenne amico.

 

Appuntamento venerdí 18 marzo 2016 nel Meersenhuis, Oostmeers 3, 8000 Bruges . La serata inizia alle 20.00 (porte aperte alle 19.30). Visto che i posti nella sala sono limitati, è obbligatorio iscriversi in anticipo (tramite info @ lincontrobruges . be o telefonando a 050/334957 o 0477/724814) e versando 10 euro sul nostro c/c BE77 9792 2273 5142 - BIC ARSPBE22XXX

 

 

Caravaggio

a cura di Andrea Artistico

 

 

venerdì 2 dicembre 2016

 

Michelangelo Merisi da Caravaggio (1571-1610), per molti il più eccelso pittore che l’Italia abbia donato al mondo, è di certo una figura di riferimento per l’intera storia dell’arte. Artista controverso, impose un nuovo linguaggio pittorico, realistico e teatrale che ebbe una profonda influenza sulla pittura barocca. Rinomato per l’uso spettacolare del colore, luce e ombra, rappresentava anche scene sacre e bibliche con un naturalismo che fu rivoluzionario. Dalle sue opere scaturisce una sorprendenete umanità, frutto di un’impulso creativo viscerale.

La sua breve vita fu altrettanto intensa, scandalosa, come la sua pittura fu giudicata da taluni. Fu un uomo dal temperamento violento e in fuga perenne.

Sebbene il suo stile venne riproposto dai ‘caravaggisti’ e le sue influenze pervadano perfino le opere di artisti ottocenteschi, Caravaggio fu quasi completamente dimenticato nei secoli successivi alla sua morte e la validità della sua opera è stata universalmente riconosciuta solo all’inizio del XX°secolo.

 

Appuntamento venerdí 2 dicembre 2016 nel Meersenhuis, Oostmeers 3, 8000 Bruges . La serata inizia alle 20.00 (porte aperte alle 19.30). Visto che i posti nella sala sono limitati, è consigliato iscriversi in anticipo (tramite info @ lincontrobruges . be o telefonando a 050/334957 o 0477/724814) e versando 10 euro sul nostro c/c BE77 9792 2273 5142 - BIC ARSPBE22XXX .

 

 

 

Bologna, un viaggio tra sapore, storia e bellezza

a cura di Valentina Rosa

venerdì 21 novembre 2014

 

Bologna la dotta, la grassa, la rossa. Chi non conosce la città sede della più antica Università d’Europa? Bologna la città delle cento torri, dei lunghi portici e delle antiche mura, dei mattoni rossi che le danno quell’atmosfera calda ed inconfondibile. Ma anche Bologna città libera e comunale, città delle contestazioni studentesche e del rosso politico, dei più alti studi di giurisprudenza e medicina, del dialetto bolognese. Bologna città del trionfo gastronomico, del piacere del palato e della nobile arte del tortellino.

Su note al sapore di scoperta e bellezza, Valentina Rosa vi accompagnerà in un viaggio alla ricerca dei mille volti e segreti di una città che sa mutare sempre forma e tuttavia mantenere vivo il dialogo fra tradizione e innovazione. Raccontando le storie che seducono ancora gli animi curiosi di cittadini e turisti, scoprirete un passato fatto di palazzi, piazze, chiese e giardini, ma anche un presente di osterie, teatri, mercati e botteghe che fanno ancora vibrare giorno e notte questa città antica ed al tempo stesso europea. E chissà, magari sfaterete anche il mito dei famosi ‘spaghetti alla bolognese’…

 

 

 

La storia della FIAT

a cura di Paolo Piccolo

venerdì 27 febbraio 2015

 

In un clima segnato da un grande fervore di iniziative, di inventività e di idee nuove nasce, alla fine dell’Ottocento, la Fiat, un'azienda destinata a diventare, in poco tempo, uno dei maggiori gruppi in-dustriali al mondo.

Nata l'11 luglio del 1899 a Torino per iniziativa di Emanuele Cacherano di Bricherasio e Cesare Goria-Gatti, un esponente della nobiltà e un avvocato, uniti dalla comune passione per i motori, oggi la FIAT è parte del Gruppo Fiat Chrysler Automobiles, un Gruppo che nel 2014 ha venduto più di quattro milioni e mezzo di vetture nel mondo sancendo definitivamente la fine della Fiat come solo Gruppo automobilistico italiano.

Paolo Piccoli, da anni all’interno del Gruppo, ci racconterà in dettaglio la storia di Fiat e il ruolo della famiglia degli Agnelli.

 

 

.

 

 

 

 

 

 

L'Abruzzo, terra selvaggia

Alla scoperta di un territorio ricco di natura e tradizione

a cura di Martina Zambon

venerdì 23 ottobre 2015

 

Martina Zambon e’ una naturalista proveniente da Milano e ha da sempre avuto la passione per la ricerca e la divulgazione ambientale, oltre ad aver girato in lungo e in largo l’Italia a scopo di studio e lavoro.

Insieme a lei scopriremo una regione ricca di cultura e tradizione, oltre che di paesaggi incantevoli e di specie protette: l’Abruzzo. Oltre ad ospitare tre dei più importanti parchi nazionali d'Italia si colloca al primo posto per percentuale di superficie protetta. Da qui partiremo alla scoperta di come si e’ formata la catena montuosa degli Appennini durante le ere geologiche e scopriremo i miti e le leggende legate a questi luoghi, la vita dei suoi abitanti, gli eremi arroccati sulle montagne della Majella, l’importanza della biodiversita’ e di convivere con specie che da sempre hanno destato nell’uomo paura, timore ma spesso anche venerazione. Questa e’ la terra degli orsi, dei lupi e di montagne selvagge, che da sempre ha affascinato gli amanti della natura per la sua complessita’ e bellezza.

 

Appuntamento venerdí 23 ottobre 2015 nel Meersenhuis, Oostmeers 3, 8000 Bruges . La serata inizia alle 20.00 (porte aperte alle 19.30). Visto che i posti nella sala sono limitati, è obbligatorio iscriversi in anticipo (tramite info @ lincontrobruges . be o telefonando a 050/334957 o 0477/724814) e versando 10 euro sul nostro c/c BE77 9792 2273 5142 - BIC ARSPBE22XXX

 

 

 

Dalla nostra inviata a Roma

Hedwig,

corrispondente a Roma

 

venerdì 22 aprile 2016

 

A maggio e giugno gli Italiani torneranno di nuovo alle urne per votare sindaci e consiglieri di tanti comuni, tra i quali anche grandi città come Roma, Milano, Torino, Napoli e Bologna.

Sarà un importante test elettorale per il centrosinistra del primo ministro Matteo Renzi, i politici sempre più maturi del Movimento Cinque Stelle e le varie anime della destra, tra i reduci di Forza Italia e i crescenti populismi della Lega Nord..

Il corrispondente della VRT, Hedwig Zeedijk ci dipinge il quadro della politica italiana attuale.

 

Dopo la pausa Hedwig ci presenterà la (ri)scoperta di Roma.

La situazione politica di Roma è particolare, dopo le dimissioni del sindaco Marino e il com-missariamento della città avvenuto a novembre. Nonostante gli enormi problemi di gestione (infiltrazione mafiosa, corruzione, amministrazione inefficiente), la più grande sfida per il nuovo sindaco sarà ritrovare la Grande Bellezza della Città Eterna.

Nel suo nuovo libro del Davidsfonds, Hedwig lo sta facendo già,

 

 

 

Viticoltura e vinificazione al tempo dei Romani

a cura di Dimitri Van Limbergen, archeologo

 

 

venerdì 27 gennaio 2017

 

“Che gusto ci provi, Tucca, a mescolare al vecchio Falerno

i mosti conservati negli orci vaticani?

Che cosa ti ha fatto di buono un vino così scadente?

E cosa ti ha fatto di male un vino così buono?

Per me non importa: ma è un delitto uccidere il Falerno,

un delitto avvelenare crudelmente il vino campano.

Forse i tuoi invitati hanno meritato la morte:

ma un’anfora cosi preziosa non meritava questa triste sorte.”

(Marziale, Epigrammi, Libro primo, XVIII)

 

 

Bere vino nella società romana andava ben oltre il semplice atto di consumare una bevanda alcolica a base di uva fermentata. Infattì, più che un singolo componente della tradizionale tripartizione alimentare quotidana dei Romani, il vino era un prodotto dell’ identità e della stratificazione sociale, una vera espressione culturale capace di unire o di dividere i suoi consumatori. Le fonti antiche riflettono la grande diversità all’interno del ‘vino romano’, che comprendeva sia il ‘mulsum’ – un cocktail di mosto, acqua e miele – sia diversi vini ‘Grand Cru’, quale il Falernum menzionato da Marziale o il Caecubum prodotto nel Lazio. Non coglie di sorpresa, quindi, che i Romani furono il primo popolo nella storia a sviluppare una vera e propria tradizione di viticoltura ed enologia.

 

Attraverso un viaggio ‘baccanale’, gli uditori scopriranno come i Romani coltivarono la vite in Italia, e come produssero alcuni dei loro vini più conosciuti. Camminando tra i resti dei torchi antichi, e con le indicazioni e le ricette dei agronomi antichi sempre in mano, ripercorreremo insieme la prima grande rivoluzione vitivinicola nella storia dell’alimentazione; una rivoluzione che ha lasciato le sue tracce fino ad oggi.

 

 

Italia, il lato oscuro di un paese pieno di sole

a cura di Ine Roox

venerdì 12 dicembre 2014

 

Il bel paese: in Belgio adoriamo in tanti l'Italia. Ine Roox, giornalista presso il quotidiano belga De Standaard, non è un'eccezione. Pero' e' convinta che dopo un'emigrazione italiana avvenuta ben 70 anni fa, i belgi dovrebbero conoscere meglio il paese ed i suoi abitanti, al di là degli stereotipi e dei luoghi comuni.

Nel suo libro: "Italia, il lato oscuro di un paese pieno di sole" Ine Roox ha cercato di far conoscere meglio questo paese che ci affascina tanto. Il risultato non è un'analisi distante della società contem-poranea, bensi' una raccolta di quindici storie concrete e molto vere, partendo sempre dalle vite e dalle esperienze di italiani che lei considera molto particolari.

Ad esempio conosciamo Ignazio Cutrò, imprenditore siciliano, che ha testimoniato in un processo mafia contro i suoi estorsori. Di conseguenza, Cutrò oggi non lavora piu' come imprenditore, mentre uno degli estorsori ha aperto una pizzeria in paese.

Durante la sua presentazione Ine Roox presenterà il suo libro, aggiornato pero' con un discorso attuale sullo spazio della mafia nell'immaginario italiano. Il crimine organizzato e' da anni molto presente nel cinema, nei romanzi e nel giornalismo in Italia: eppure spesso c'è ancora polemica.

 

 

 

 

 

 

I fascisti invecchiano

Dal regime totalitario alla democrazia

L'(auto)critica di Vitaliano Brancati

a cura di Prof. Sabine Verhulst

venerdì 27 marzo 2015

 

La professoressa Sabine Verhulst (UGent) ci farà immergere nel mondo di Vitaliano Brancati (1907-1954) : saggista, scrittore, drammaturgo e sceneggiatore. Come nessun altro ha commentato e criticato il passaggio dal regime totalitario alla democrazia repubblicana in Italia.

Iniziò la sua carriera sotto il fascismo e scrisse per vari organi del regime. Ebbe a cuore la libertà di stampa e il futuro della cultura in una società di massa, durante e dopo la dittatura.

Si scontrò più volte con la censura, sia durante il Ventennio [periodo di 20 anni di regime fascista dal 1922 al 1943] che nei primi anni della Repubblica italiana.

Durante la sua conferenza, la professoressa Verhulst analizzerà il romanzo “Il vecchio con gli stivali” e la raccol-ta di saggi “I fascisti invecchiano”. La sua analisi prenderà in esame il film “Anni difficili” (1948) di Luigi Zampa, basato su “Il vecchio con gli stivali”, al quale Brancati collaborò come sceneggiatore

 

 

 

 

Robin Hood

una leggenda veneziana

 

Teatroimmagine

lunedì 30 novembre 2015

 

Siamo felici di accogliere per la seconda volta la compagnia teatrale Teatroimmagine di Venezia. Ci sorprenderanno con uno spettacolo in puro stile Commedia dell’Arte.

In collaborazione con SNT Brugge

 

“Il mio nome è Hood....... Robin Hood, Principe dei ladri..."

 

”Molti scrittori hanno raccontato le imprese del popolare Robin, che al contrario di quanto si pensa.... nacque a Venezia!

Teatroimmagine Venezia ci racconterà la storia dell’eroe lagunare, il salvatore dei poveri, che elimina ingiustizie e ineguaglianze. Un omaggio a tutti gli sconosciuti che hanno fatto e ancora oggi fanno della giustizia e dell’uguaglianza una loro battaglia personale. Come sempre Teatroimmagine recita in stile della Commedia dell’Arte, filtro magico che trasforma ogni storia, colorandola con ironia, gioia e musicalità. Una serata da non mancare.

 

Appuntamento LUNEDÍ 30 NOVEMBRE 2015 nel centro culturale DAVERLO, Dries 2, 8310 Bruges.

Vi aspettiamo alle 19.30 nel bar del centro culturale Daverlo per offrirvi un bicchiere d’amicizia seguito alle 20.00 dello spettacolo.

 

 

Leonardo Sciascia

a cura di Sidney Cardella,

assistente KUL

 

venerdì 21 ottobre 2016

 

“Odio, detesto la Sicilia nella misura stessa in cui l’amo, e in cui non risponde al tipo d’amore che vorrei nutrire per essa.”

 

Leonardo Sciascia (1921-1989), scrittore, politico indipendente, intellettuale che forse più di tutti ha capito la Sicilia e l’Italia intera, dandone una rappresentazione che va oltre la verità.

Insieme scopriremo la sua vita e il suo pensiero, attraverso immagini e alcuni dei suoi testi più interessanti. Una serata coinvolgente, dove tutti potranno ritrovarsi in una delle perso-nalità più autentiche e controverse del Novecento italiano. Non aspettatevi la solita confe-renza…

 

 

 

 

 

 

 

 

Tradizioni Pasquali in Sicilia

a cura di Aurora Capizzi

 

 

venerdì 24 marzo 2017

 

La Pasqua è la festività che fin dai tempi più antichi e più di ogni altra, ha suscitato in tutto il territorio dell’isola, una intensa partecipazione popolare. Nel corso della Settimana Santa vi è un susseguirsi di rappresentazioni e processioni in tutta la Sicilia e in alcune località le cele-brazioni assumono una spettacolarità tale da creare un’atmosfera magica e carica di pathos da cui è impossibile sottrarsi. Attraverso un excursus storico, che riporta alle origini della tradizione, vengono indagati il rapporto che i siciliani hanno con essa e gli aspetti sociocultu-rali delle celebrazioni, passando attraverso le processioni di alcuni paesi e città presi ad esempio, fino ad arrivare alla gastronomia che arricchisce la più importante ricorrenza cele-brata sull'isola. Folklore, storia e tradizione racchiusi nei riti della Settimana Santa, un'occa-sione per vedere da vicino un aspetto fondamentale della cultura siciliana.

 

Appuntamento venerdí 24 marzo 2017 nel Meersenhuis, Oostmeers 3, 8000 Bruges . La serata inizia alle 20.00 (porte aperte alle 19.30). Visto che i posti nella sala sono limitati, è consigliato iscriversi in anticipo (tramite info @ lincontrobruges . be o telefonando a 050/334957 o 0477/724814) e versando 10 euro sul nostro c/c BE77 9792 2273 5142 - BIC ARSPBE22XXX .

 

 

 

Copyright © L'Incontro Bruges 2016